Cooperazione Italia Cina. Only Italia ospita la delegazione del distretto di Dongli

Incontro oggi in Viale Gabriele D’Annunzio 100, sede di Only Italia presieduto dalla Presidente Irene Pivetti con la delegazione del distretto di Dongli nella figura del signor Mr. Yang Hao Deputy Mayor of Dongli District People ‘s Government of Tientsin insieme a fu Sheng Director of Management Committee of Huaming High and New Technology Industrial Zone, Dongli District, Tientsin, Li Xiaoxia, Director of Dongli Lake Street Office, People ‘s Government, Dongli District, Tientsin, Jiao Yang Accomny. Un incontro significativo  per  percepire l’evoluzione e l’apertura di un interessante mercato economico globale. L’Incontro organizzato da Only Italia fa parte di una serie di incontri bilaterali volti alla cooperazione politica, economica e sociale tra l’Italia e la Cina. La presidente di Only Italia Irene Pivetti continua il percorso di cooperazione con i rappresentanti del Green Design Innovation Center. Presenti anche gli imprenditori italiani che attraverso Only Italia, avranno la straordinaria possibilità di produrre ed esportare in Cina.  Il distretto di Dongli ha una superficie di 460 chilometri quadrati. Tianjin è un’area di forte sviluppo tecnologico e commerciale. Tianjin o Tientsin è una delle quattro municipalità della Repubblica popolare Cinese, controllate dal Governo centrale. Si estende su una superfici di 12.000 Km quadrati e ha una popolazione di più di 15.000.000 di abitanti, quarta municipalità della Cina dopo Shanghai, Pechino e Chongqing. Tianjin è cresciuta tantissimo negli ultimi anni, incrementando l’aerea tecnologica, commerciale e aumentando notevolmente il PIL. Dal 2007 ospita la sessione estiva del Forum Economico Mondiale di Davos. La città è collegata al Porto di Tianjin, il più grande porto della Cina settentrionale e principale accesso marittimo di Pechino. Progetti italiani, aziende che possono esportare in Cina la loro tecnologia, il made in italy, il gusto e la tradizione alimentare italiana, una sinergia economica e culturale nel rispetto dell’ambiente.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *